Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.legacoop-palermo.it/home/wp/wp-content/plugins/frontend_builder/frontend_builder_class.php on line 589
Legacoop Palermo » Tempi Moderni
/ Tempi Moderni

Tempi Moderni 2.0

Abbiamo deciso di dare vita a una scuola per giovani aspiranti imprenditori. Un progetto ambizioso, facendo sintesi tra storie, esperienze e professionalità diverse, per questo Legacoop, Unicredit, Unipol banca, Cna, Arca, Libera, Addiopizzo, Unione Giovani Commercialisti, Giovani Consulenti del Lavoro, Arcidonna, CESIE, Co Work Re Federico, Rete Universitaria Mediterranea – in collaborazione con l’Università degli Studi di Palermo, con il patrocinio dell’Assessorato alla formazione della regione siciliana e dell’Agenzia nazionale per i giovani. L’abbiamo chiamata volutamente scuola, convinti che la scuola non serva a qualcosa di specifico, ma piuttosto è necessaria per immaginare un paese migliore. Fondamentale come luogo della socializzazione, del pensiero, della crescita personale e collettiva. Cose di cui oggi più che mai sentiamo il bisogno. Il nome della nostra scuola è Tempi Moderni 2.0, riprendendo un vecchio film in bianco e nero, senza sonoro, dove il povero operaio interpretato magnificamente da Charlie Chaplin deve fare i conti con la catena di montaggio. È una critica disincantata al progresso che imponeva l’alienazione a spese della dignità umana. Nello splendido finale Chaplin trova l’alternativa, grazie alla creatività e alla capacità di guardare con ottimismo al futuro. Tempi bui quelli di oggi, per la generazione più formata che questo Paese abbia mai avuto, ma anche quella che meno ha utilizzato. Alla catena di montaggio alienante si afferma la disoccupazione deprimente, o nel migliore dei casi forme di precariato con le quali convivere. Colpiti da una retorica demenziale che li apostrofa come bamboccioni, choosy, sfigati, senza mai fare i conti con il vero problema: la scomparsa del lavoro e la trasformazione della società. Davanti al precariato, alla disoccupazione, allo sfruttamento 2.0, alle vertigini del fallimento come condizione esistenziale o all’emigrazione come unica via per avere un’opportunità: noi crediamo che l’autoimprenditorialità sia la strada giusta. Stanchi di mandare curriculum o di aspettare opportunità che non arrivano, è il momento di smettere col cercare il lavoro, bisogna cominciare a crearlo. Partendo da noi, dalla nostre capacità, dai nostri interessi.

Guardare all’economia dei saperi, che si fonda sulla conoscenza e sulla creatività, ma anche Linguaggi ed energie per una nuova imprenditorialità sostenibile. La nostra mission è quella di sviluppare la capability, di cui parla Amartya Sen, ovvero la capacità dell’individuo di trasformare le proprie abilità in risorse. A breve saranno pubblicati i bandi del PianoGiovani della Regione Siciliana, che offriranno l’opportunità a tantissimi under 35 siciliani di potersi inventare il lavoro costruendo una propria impresa. Anche per questo abbiamo pensato alla scuola, per coinvolgere, formare, accompagnare i giovani aspiranti imprenditori e gli stakeholders interessati all’avvio di un processo virtuoso che promuova lo start up di nuova imprenditoria.